fbpx

COME DEVE PERDERE PESO CHI HA UN’ALTA MASSA GRASSA

Allenamento

Sei consapevole del fatto che meno ti muovi e meno carboidrati puoi mangiare nel corso della giornata?

I carboidrati sono energia alimentare pronta all’uso. Vanno sempre bene se derivano da frutta e verdura, alimenti ricchi di acqua e di fibre con un alto potere saziante.

Ma quelli derivanti da pasta, pane e patate, invece, se devi perdere peso, sono per lo più da evitare.

Se:

– Fai meno di 10 mila passi al giorno

– Non ti alleni con il protocollo di XWOMAN tutti i giorni, facendo quindi pesi per almeno un’ora al giorno

– Non hai un corpo particolarmente abile ad usare carboidrati a scopo energetico

Allora è bene regolare i carboidrati giornalieri sotto i 100 grammi al giorno.

A differenza di proteine e grassi, non esistono carboidrati essenziali. Questo significa che l’essere umano può vivere perfettamente anche stando a zero carboidrati.

“Come faccio a sapere se il mio corpo usa bene i carboidrati o meno?”

La risposta è molto semplice.

Sei magra o grassa?

 Se sei magra, allora sicuramente il tuo corpo sa usare bene per lo meno i carboidrati che sei abituata a consumare.

Giulia Vandini – 24 anni – Studentessa dell’Accademia di XWOMAN

Appartieni alla categoria di chi usa bene i carboidrati, se:

– Sei molto magra di natura e quindi hai poche cellule adipose affamate di glucosio

– Hai molta muscolatura e ti alleni tanto e quindi i tuoi muscoli sono molto affamati di glucosio

– Fai tante attività glicolitiche durante il giorno (corsa e allenamento lattacido per ORE ogni giorno, come ogni atleta professionista)

Se al contrario non hai molta muscolatura e hai molta massa grassa (con una bodyfat sopra al 22%), allora non hai un metabolismo particolarmente brillante nell’utilizzare glucosio / carboidrati a scopo energetico.

GLUCOSIO (CARBOIDRATI) ⇒ IPERGLICEMIA ⇒ INSULINA ⇒ IL GLUCOSIO VIENE STOCCATO SOTTOFORMA DI GRASSO

Questo succede sempre se hai una bodyfat sopra al 20%. Tradotto: se hai un’alta massa grassa, il corpo è molto più portato a ingrassare in seguito ad un pasto ricco di carboidrati.

Quando mangiamo carboidrati il corpo produce insulina, che permette al glucosio (i carboidrati) di entrare nelle cellule, sia in quelle muscolari che in quelle adipose. Entrambe hanno sulla loro superficie dei recettori che rispondono all’insulina e permettono al glucosio di entrare nella cellula.

Se le tue cellule adipose sono numericamente superiori rispetto a quelle muscolari, maggiore sarà anche il numero di recettori che richiameranno il glucosio all’interno delle cellule.

Ergo, più grasso hai e più è facile ingrassare.

Ecco perché i carboidrati resteranno un problema fino a quando non sarai diventata magra e avrai perso buona parte della tua massa grassa.

IN SOSTANZA:

– Puoi vivere SENZA carboidrati complessi, come patate, pasta e cereali, e prendere quelli che ti servono solo da frutta e verdura (la frutta e la verdura sono Ok in quanto ricche di fibre e a bassa densità energetica)

– Puoi regolare i carboidrati a meno di 100 grammi al giorno

– Puoi concentrare la tua alimentazione in special modo verso le proteine e i grassi (con frutta e soprattutto verdura, in abbondanza)

Inoltre:

Mangiando pochi carboidrati e consumandoli solo da fonti fibrose (frutta e verdura) e assumendo molte proteine e molti grassi, i tuoi livelli di fame diminuiranno molto.

Roberta Saimandi – 34 anni – Studentessa dell’Accademia di XWOMAN

In uno studio comparativo condotto da Paula C Chandler-Laney e colleghi pubblicato nel 2014 nella rivista Appetite, 64 adulti sovrappeso sono stati suddivisi in due gruppi: al primo è stata somministrata una dieta a bassi carboidrati e ad alti grassi (43% carboidrati, 39% grassi, 18% proteine) mentre al secondo una dieta ad alti carboidrati e bassi grassi (55% carboidrati, 27% grassi, 18% proteine).

Dopo 4 settimane ai partecipanti sono stati misurati i valori della glicemia e l’andamento dell’insulina dopo i pasti e sono stati riportati il senso di fame e di sazietà dei soggetti.

Il gruppo che ha seguito la dieta a bassi carboidrati ed alti grassi ha riportato un minore aumento della glicemia post pasto e ha riportato un minore senso di fame dopo 3 e 4 ore dal pasto.

Una dieta ad alti carboidrati, stimolando maggiormente la produzione di insulina, aumenta il senso di fame e porta a mangiare di più di quello che dovremmo. I grassi, invece la produzione di leptina, che stimola il senso di sazietà.

Sei quindi più sazia e più a lungo.

E questo porta in modo AUTOMATICO a consumare meno calorie e a mangiare meno. Cosa perfetta in chi vuole perdere peso.

Alena Vitova – 35 anni – Fitness Coach XWOMAN

Uno studio condotto da Samaha F. F. e colleghi, pubblicato nel Journal of Medicine nel 2003, ha messo a confronto una dieta low-carb con una low-fat in individui obesi (con una BMI media pari a 43). Dopo 6 mesi, il gruppo low-carb ha perso in media 5.8 chili mentre chi ha seguito la dieta low-fat ne ha persi in media solo 1.8.

Se poi alla giusta strategia alimentare abbini il protocollo di XWOMAN www.xwoman.it/iscrizione-membership potrai perdere peso velocemente ma SENZA INTACCARE LA MASSA MUSCOLARE.

Il tuo obiettivo deve essere quello di perdere massa grassa e di mantenere o aumentare la massa muscolare.

Tutto questo ti porterà ad avere un ottimo risultato sia in termini di forza e salute, sia in senso estetico.

RICAPITOLANDO: (se il tuo obiettivo è perdere peso e hai molta massa grassa)

– Setta i carboidrati a massimo 100g al giorno e prendili solo da frutta e verdura

– Mangia abbastanza proteine (2 grammi per chilo di peso corporeo) con lo scopo di preservare e costruire massa magra

– Allenati con i pesi seguendo il protocollo di XWOMAN www.xwoman.it/iscrizione-membership

– Persevera per mesi e mesi fino a quando non hai raggiunto il tuo obiettivo

La strada per il successo è solamente questa.

Ciao

Ivan Orizio

Fitness Coach e Creatore di XWOMAN

ATTENZIONE

Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un medicinale è necessario consultare il proprio medico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

ARTICOLI CORRELATI

Menu