L’ importanza di una dieta iperproteica

L’ IMPORTANZA DI UNA DIETA IPERPROTEICA

Ecco perché devi adottare una dieta iperproteica (anche se il tuo nutrizionista ti dirà di no).

Partiamo dalla base.

Per perdere è sufficiente una dieta IPOCALORICA. Dove le calorie in ingresso sono inferiori a quelle in uscita.

Essa può essere creata da qualsiasi nutrizionista del mondo.

Potrà essere una dieta vegan o onnivora o qualsiasi cosa tu voglia in relazione ai tuoi gusti alimentari e in relazione alle preferenze del nutrizionista in questione.

Se il tuo equilibrio metabolico è a 2000 calorie al giorno e se quindi a 2000 calorie al giorno mantieni stabile il peso, e mangi 1500 calorie al giorno, allora attraverso il deficit calorico di 500 calorie giornaliere, perderai peso.

C’è però un problema:

Perdere peso non sempre significa perdere GRASSO

Il peso è anche fatto dalla massa muscolare che è molto sensibile al dimagrimento e ciò significa che è sempre a rischio di catabolismo (perdita), durante le fasi di dimagrimento

Dove sbagliano i nutrizionisti? Nella maggior parte dei casi consigliano alle proprie clienti delle diete eccessivamente ipoproteiche, contenenti quindi POCHE proteine.

“Ivan, ma le proteine acidificano il corpo e causano osteoporosi”. NO.

Secondo uno studio pubblicato nel 2017 dalla National Osteoporosis Foundation, un aumento del quantitativo proteico nella dieta non solo NON crea danni alle ossa, ma favorisce l’assorbimento del calcio intestinale che si traduce in un miglioramento della densità ossea.

“Ivan, ma le proteine causano danni ai reni”. NO.

Secondo una review condotta da Stuart M. Philips e colleghi pubblicata nel 2015, la credenza che una dieta iperproteica causi insufficienza renale non ha nessun fondamento scientifico.

Anzi, in persone sane un aumento della quantità di proteine nella dieta porta ad un aumento del tasso di filtrazione glomerulare, ossia della capacità filtrante del rene.

Inoltre:

Le proteine sono fondamentali per preservare la massa muscolare durante la fase di dieta ipocalorica e per impedire il catabolismo proteico laddove è presente un deficit calorico

Il fabbisogno proteico AUMENTA all’aumentare dell’età del soggetto a dieta, e va quindi incrementato con l’età e non abbassato

La scelta di prescrivere diete IPO proteiche è pessima sia in termini di salute che di miglioramento dell’estetica corporea.

Se perdi peso attraverso una dieta ipoproteica e se nel frattempo non ti alleni con i pesi, il corpo cannibalizza una buona parte della tua massa muscolare.

Ciò significa che se perdi 10 chili di peso, in presenza di una dieta ipoproteica e di nessun allenamento con i pesi, i chili persi saranno circa 5 derivanti dal grasso e altri 5 derivanti dalla massa muscolare.

Al contrario, in presenza di una dieta IPER proteica e in abbinamento all’allenamento con i pesi, i chili persi saranno totalmente a carico della massa grassa con mantenimento o addirittura aumento della massa muscolare.

L’aumento della massa muscolare è la condizione che dobbiamo ricercare sempre in ogni dieta dimagrante.

È la massa muscolare che contribuisce alla salute e al funzionamento del sistema immunitario.

Ed è la massa muscolare che contribuisce all’estetica.

Inoltre, i soggetti molto sportivi che si allenano molto con i pesi (ma vale anche per le sessioni cardio) devono consumare proteine in abbondanza ancora più che i sedentari.

Uno studio condotto da Amy J. Hector e colleghi, pubblicato nel 2018, afferma che per gli individui che si allenano regolarmente con i pesi, il fabbisogno proteico va da 1.6 a 2.4 grammi di proteine per chilogrammo di peso corporeo al giorno, fino a raggiungere anche i 3 grammi di proteine per chilogrammo di peso corporeo al giorno, durante i periodi di forte restrizione calorica.

Ciò significa che se pesi 70 chili, devi consumare da 112 grammi a 210 grammi di proteine al giorno.

Nota bene che parlo di proteine intese come MACRONUTRIENTE e non come alimento.

Un etto di petto di pollo contiene 25 grammi di proteine, ergo per arrivare a 210 grammi al giorno è necessario consumare quasi un chilo di petto di pollo al giorno.

È questo che intendo per dieta IPER PROTEICA.

Naturalmente, nessuno ti obbliga a consumare 3 grammi di proteine per chilo di peso, soprattutto se non sei un’atleta professionista. Ma già con il quantitativo di 2 grammi per chilo di peso, noterai immediatamente un miglioramento nella tua composizione corporea e nella tua aderenza alla dieta.

“Cosa succede se non seguo una dieta iperproteica?”.

Che l’effetto della dieta sarà quello di portarti ad uno svuotamento generale sia del grasso che della massa muscolare. Ti ritroverai svuotata e meno tonica di quando hai iniziato la dieta.

Nota bene inoltre che:

– Per perdere massa grassa e dimagrire in modo qualitativo, l’allenamento con i pesi è fondamentale

Molti nutrizionisti sconsigliano l’allenamento con i pesi affermando che “se ti alleni con i pesi NON perdi peso perché i muscoli pesano”.

Questo “consiglio” è tanto inesatto scientificamente quanto folle.

– I muscoli pesano più del grasso ma il potenziale di crescita muscolare degli individui natural è fortemente limitato

Ciò significa che se oggi pesi 90 chili e ti metti a dieta rispettando ciò che ti insegno vale a dire:

– Dieta iperproteica e ricca di fibre (verdura e frutta)

– 3-4 sessioni a settimana di allenamento con i pesi seguendo il protocollo di XWOMAN

Perderai fino a 40 chili di grasso ma metterai solo pochi chili (meno di dieci) di massa muscolare.

Tutto ciò si tradurrà in un infinito miglioramento sia dei tuoi parametri di salute che della tua estetica.

RIASSUMENDO:

Assicurati di consumare abbastanza proteine (circa 2 grammi di proteine per chilo di peso corporeo)

Allenati con i pesi seguendo il protocollo di XWOMAN http://www.allenamentoxwoman.it/offerta

Cambia nutrizionista se ti viene da lui/lei consigliato di seguire una dieta POCO proteica e se ti viene consigliato di dedicarti esclusivamente alle attività cardio, evitando i pesi

RICORDA:
La massa muscolare è collegata quanto alla salute tanto all’estetica

La velocità metabolica dipende in buona parte da quanta massa muscolare abbiamo

Le diete IPER proteiche non soltanto salvano la massa muscolare ma sono anche più sazianti e più sane di quelle ipoproteiche

Ti aspetto nel Protocollo di XWOMAN! http://www.allenamentoxwoman.it/offerta

A presto

Ciao

Ivan Orizio
Fitness Coach, Autore e Creatore di XWOMAN

PS: Se vuoi convincere il tuo nutrizionista dell’importanza delle proteine nella dieta, questi sono alcuni studi scientifici pubblicati su PubMed inerenti all’importanza di un alto dosaggio proteico.
Poortmans JR, Dellalieux O. Do regular high-protein diets have potential health risks on kidney function in athletes? Int J Sports Nutr 2000;10:28-38.

Walser M. Effects of protein intake on renal function and on the development of renal disease. In: The Role of Protein and Amino Acids in Sustaining and Enhancing Performance. Committee on Military Nutrition Research, Institute of Medicine. Washington, DC: National Academies Press, 1999, pp. 137-154.

Klahr S, Levey AS, Beck GJ et al. The effects of dietary protein restriction and blood-pressure control on the progression of chronic renal failure. N Engl J Med 1994;330:877-884.

Navder KP, Lieber CS. Nutrition and alcoholism. In: Bronner, F. ed. Nutritional Aspects and Clinical Management of ChronicDisorders and Diseases. Boca Raton, FL: CRC Press, 2003, pp. 307-320.

Mendellhall C, Moritz T, Roselle GA et al. A study of oral nutrition support with oxadrolone in malnourished patients with alcoholic hepatitis: results of a Department of Veterans Affairs Cooperative Study. Hepatology 1993;17:564-576.

Suzuki K, Kato A, Iwai M. Branched-chain amino acid treatment in patients with liver cirrhosis. Hepatol Res. 2004 Dec;30S:25-29.

Ginty F. Dietary protein and bone health. Proc Nutr Soc 2003;62:867-76.

Dawson-Hughes B, Harris SS, Rasmussen H et al. Effect of dietary protein supplements on calcium excretion in healthy older men and women. J Clin Endocrinol Metab 2004;89:1169-73.

Geinoz G, Rapin CH, Rizzoli R et al. Relationship between bone mineral density and dietary intakes in the elderly. Osteoporos Int 1993;3:242-8.

Cooper C, Atkinson EJ, Hensrud DD et al. Dietary protein intake and bone mass in women. Calcif Tissue Int 1996;58:320-325.

Kerstetter JE, Svastislee C, Caseria D et al. A threshold for low-protein-diet-induced elevations in parathyroid hormone. Am J Clin Nutr 2000;72:168-173.

Hu FB, Stampfer MJ, Manson JA et al. Dietary protein and risk of ischemic heart disease in women. Am J Clin Nutr 1999;70:221-227.

Layman DK, Boileau RA, Erickson DJ, Painter JE, Shiue H, Sather C, Christou DD. A reduced ratio of dietary carbohydrate to protein improves body composition and blood lipid profiles during weight loss in adult women. J Nutr. 2003 Feb;133(2):411-7.

Mohanty P, Ghanim H, Hamouda W et al. Both lipid and protein intake stimulates increased generation of reactive oxygen species by polymorphonuclear leukocytes and mononuclear cells. Am J Clin Nutr 2002;75:767-772.

Paolisso G, Esposito R, D’Alessio MA, Barbieri M. Primary and secondary prevention of atherosclerosis: is there a role for antioxidants? Diabetes Metab. 1999 Sep;25(4):298-306.

Layman DK, Baum JI. Dietary protein impact on glycemic control during weight loss. J Nutr. 2004 Apr;134(4):968S-73S.

Layman DK. Protein Quantity and Quality at Levels above the RDA Improves Adult Weight Loss. J Am Coll Nutr. 2004 Dec;23(6 Suppl):631S-6S.

Hill AJ, Blundell JE. Composition of the action of macronutrients on the expression of appetite in lean and obese human subjects. Ann N Y Acad Sci. 1990;580:529–31

Stubbs RJ, van Wyk MC, Johnstone AM, Barbron CG. Breakfasts high in protein, fat or carbohydrate: effect on within-day appetite and energy balance. Eur J Clin Nutr 1996;50:409–17

ATTENZIONE

Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un medicinale è necessario consultare il proprio medico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

ARTICOLI CORRELATI

Menu
Open chat