Creatina, salute e longevità

CREATINA, SALUTE E LONGEVITÀ

Sono presenti moltissimi miti in merito al fatto che la creatina ha un effetto dannoso sulla salute umana, in particolar modo per ipotetici danni che può causare al fegato e ai reni.

Questi due organi sono infatti coinvolti nell’elaborazione della creatina una volta ingerita, con il fegato che ne scinde la molecola e i reni che la espellono dal corpo.

Moltissimi studi scientifici hanno analizzato questa problematica evidenziando che la creatina NON ha effetti dannosi sull’uomo né a breve né a lungo termine, risultando un integratore perfettamente sicuro per la salute dei reni e del fegato.

L’integrazione a lungo termine in dosaggi fino a 20 grammi al giorno non porta ad alterazioni dei marker della funzionalità epatica e renale.

Infatti, in uno studio a lungo termine su anziani malati di Morbo di Parkinson, sono stati somministrati 4 grammi di creatina per 2 anni di fila e non si sono viste alterazioni della funzionalità renale nei soggetti presi in esame.

Allo stesso modo, uno studio che ha interessato giocatori di calcio che hanno assunto una media di 15 grammi al giorno di creatina per ben 5 anni di fila, non ha mostrato alcuna alterazione nei marker di funzionalità renale.

Anche in animali con funzionalità renale compromessa, la creatina non ha mostrato nessun effetto negativo, per questa ragione il suo uso continuativo per 6-9 mesi di fila, è totalmente sicuro, anche senza eseguire delle pause intermedie nel protocollo di assunzione.

Le pause che consiglio alle mie clienti che seguono il protocollo di XWOMAN sono finalizzate esclusivamente a ri-sensibilizzare i recettori muscolari della creatina, che dopo un periodo di uso prolungato potrebbero perdere parte della propria recettorialità.

Ecco perché consiglio di assumerla per 6-9 mesi di fila ed eseguire poi una pausa di 1-3 mesi, al fine di recuperarne la recettorialità muscolare.

Ti consiglio di far coincidere questo periodo di pausa con i mesi estivi, dove il volume di allenamento è solitamente più basso per via del clima caldo.

Dal momento che la creatina ha dimostrato di migliorare le prestazioni anaerobiche lattacide e alattacide, incrementando la potenza, la forza, la resistenza alla fatica e la dimensione delle fibre muscolari, e dal momento che il suo uso negli esseri umani è completamente sicuro, è corretto considerarla la più potente sostanza legale finalizzata all’incremento della performance nei soggetti natural.

La sua supplementazione apporta inoltre molteplici benefici per la salute e la longevità, in particolare:

– Ha un effetto nootropo di potenziamento della memoria e del quoziente intellettivo

– Riduce la fatica mentale migliorando l’apporto di ossigeno al cervello

– Diminuisce il livello di omocisteina, un indicatore ematico legato alle malattie cardiovascolari

– Ha un effetto antidepressivo e agisce sui recettori della dopamina che regolano l’umore

– Riduce la sarcopenia e la perdita di massa muscolare negli anziani, anche se sedentari

– Può essere utilizzata in sicurezza anche dalle donne in post menopausa

E come ho detto:

– Aumenta la forza

– Velocizza il metabolismo facilitando la perdita di grasso

– Contribuisce nello svolgimento di allenamenti ipertrofici di qualità ed è di conseguenza il miglior integratore in commercio per lo sviluppo della massa muscolare nei soggetti natural

Se non lo hai ancora fatto, iscriviti a XWOMAN da qui www.allenamentoxwoman.it/offerta.

Il mio protocollo di allenamento femminile cambierà per sempre il tuo modo di allenarti e ti porterà al massimo della tua genetica muscolare e di salute.

Ti aspetto

Ivan Orizio
Fitness Coach, Autore, Glute Specialist

ATTENZIONE

Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un medicinale è necessario consultare il proprio medico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

ARTICOLI CORRELATI

Menu
Open chat