xwoman-numero-verde.png
Se hai bisogno di assistenza puoi chiamarci dal Lunedì al Venerdi dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30
Lunedì al Venerdi dalle 9.30 alle 18.30

Lo stallo metabolico non esiste

LO STALLO METABOLICO NON ESISTE

Lo stallo metabolico non esiste.

Il metabolismo umano è un insieme di cose e non una cosa singola.

In quanto tale, il solo modo affinché questo insieme di cose si fermi all’unisono, è quello di morire.

Quando moriamo, il nostro consumo calorico giornaliero va a zero.

Fino a quel momento, invece, ciò che chiamiamo metabolismo umano, si regola al rialzo e al ribasso a seconda di ciò che facciamo nel corso della settimana e del mese.

Ciò significa che il tuo metabolismo fluttua, e mentre alcuni fattori aumentano altri diminuiscono.

Ad esempio, a parità di ogni altra condizione:

– se dormi di meno, il consumo calorico giornaliero si abbassa e il senso della fame si alza

– se dormi di più, il consumo calorico si alza e il senso della fame si abbassa

Questo ha a che fare con la produzione di cortisolo.

Allo stesso modo, a parità di ogni altro fattore.

– se fai cardio, il consumo calorico giornaliero (nella giornata in cui hai fatto cardio e in particolar modo nell’ora in cui stai facendo cardio) si alza

– ma nelle altre giornate in cui non ti alleni, il consumo calorico giornaliero si abbassa

Tradotto:

– l’allenamento cardiovascolare abbassa il metabolismo e rende il corpo più efficiente nel risparmiare le calorie giornaliere

– allo stesso modo, la mancanza di sonno abbassa il metabolismo (e peggiora il partizionamento del dimagrimento, il che significa che cannibalizza la massa muscolare e salva la massa grassa)

– lo stress abbassa il metabolismo (sempre per via del cortisolo, come nel caso della mancanza di sonno)

– la menopausa abbassa il metabolismo (per via della minore produzione di estradiolo)

– la sedentarietà abbassa il metabolismo (perché se ti muovi meno, bruci meno)

– la sarcopenia abbassa il metabolismo (quando perdi massa muscolare, hai meno tessuto metabolicamente attivo che consuma calorie)

Potrei andare avanti a lungo.

Gli psicofarmaci abbassano il metabolismo.

Il grasso corporeo abbassa il metabolismo (il peso corporeo alza il metabolismo, ma il grasso corporeo riduce la produzione di testosterone e in quanto tale, rallenta la velocità metabolica e la facilità a mettere massa muscolare).

Vediamo ora le cose che alzano il metabolismo.

La dieta proteica alza il metabolismo perché le proteine sono dotate di un’alta termogenesi indotta (le proteine consumano il 30% delle proprie calorie, già soltanto per la digestione e l’assorbimento).

La massa muscolare alza il metabolismo perché è tessuto metabolicamente attivo ed in grado di captare il glucosio ematico al fine di impedire agli adipociti di captarlo a loro volta, portandoti ad ingrassare.

La caffeina alza il metabolismo in acuto e lo abbassa in cronico (quindi per l’uso che ne fai, bevendo caffè tutti i giorni e in grande quantità, lo abbassa).

La meditazione essendo anti-cortisolemica, alza il metabolismo (dato che abbassando il cortisolo, migliora la produzione di ormone tiroideo T4 in T3, nonché la produzione di testosterone ed estradiolo, entrambi ormoni anabolici e pro-metabolici).

La dieta ipercalorica alza il metabolismo, per via dell’incremento del NEAT (più mangi e più hai energia, più hai energia e più ti muovi, più ti muovi e più bruci).

La dieta ipocalorica al contrario abbassa il metabolismo, perché meno mangi e meno hai energia, meno hai energia e meno ti muovi.

Ora… se hai letto fino a questo punto, brava.

Ti faccio una domanda:

È più magro colui che mangiando 4000 calorie al giorno ne brucia 3000 o colui che mangiando 2000 calorie al giorno ne brucia 2500?

Fai finta che il passato ponderale e la genetica non contino nulla nell’equazione e rispondi tra te e te.

A questo punto posso chiederti: è possibile che il tuo metabolismo si blocchi? La risposta è NO. Non in senso assoluto.

Ma è possibile che alcune componenti del tuo metabolismo rallentino molto.

Soprattutto se stai attuando inconsapevolmente una serie di errori che hanno un effetto negativo sulla velocità metabolica.

Te li elenco.

– stai facendo molto cardio e molti HIIT, il che significa che il tuo corpo si sta allenando per bruciare sempre MENO calorie sia durante la sessione allenante (quando fai cardio, appunto) che dopo la sessione allenante (quando non ti alleni)

Questo abbassa il metabolismo.

Poi.

– stai mangiando poche proteine

Molte ragazze fanno questo errore, con diete a base di cereali, un po’ di foglie, e un po’ di grassi come frutta secca e olio d’oliva.

Se una dieta è povera di proteine, il metabolismo rallenta molto. Moltissimo.

Ecco perché consiglio alle mie clienti di introdurre proteine per il 30-40% del loro fabbisogno calorico giornaliero (a coloro che vogliono perdere peso, intendo).

“Ivan. I carboidrati sono importanti?”. Si e no.

È bene che la tua dieta abbia almeno 100 grammi di carboidrati al giorno, ma tra 100 grammi e 500 grammi al giorno, il beneficio, in termini metabolici, è minimo.

Sono molto di più le proteine a pesare sul metabolismo, rispetto ai carboidrati.

Altro errore, non stai eseguendo allenamento ipertrofico anaerobico nella tua routine settimanale.

Ciò porta a perdita di massa muscolare (soprattutto se non mangi proteine e se fai cardio), e quindi ulteriore calo della tua velocità metabolica.

In linea di massima quindi, piuttosto che applicare strane strategie per riattivare il metabolismo, le cose da fare sono abbastanza semplici.

– allenamento ipertrofico muscolare

– dieta proteica

– molte fibre e molta verdura

– digiuno intermittente per tenere sotto controllo la fame

– tante ore di sonno e quindi poca caffeina che rovina il sonno e un po’ di meditazione, dato che rilassa e aiuta la mente a trovare il proprio centro

E in generale, tutto ciò di cui ho parlato nel videocorso “La Bibbia della Definizione Muscolare”.

Questo è l’indice degli argomenti del corso.

– Come funzionano tutte le diete del mondo

– Come scegliere la dieta ideale

– Come regolare la dieta ideale

– Il bilancio calorico

– Imposta la fase di definizione

– I cibi naturali

– Le proteine

– I grassi

– I carboidrati

– Il timing di assunzione dei carboidrati

– Esempio pratico 1

– Esempio pratico 2

– Quanti pasti fare al giorno?

– Quanto conta l’allenamento nel dimagrimento?

– Il metabolismo può bloccarsi?

– Mangiare di notte fa ingrassare?

– La dieta chetogenica fa dimagrire più delle altre diete?

– La vitamina D

– Gli Omega 3

– L’alcol

– Lo zucchero crea dipendenza?

– Conclusione generale

Se vuoi acquistarlo puoi farlo da qui www.xwoman.it/prodotto/la-bibbia-della-definizione-muscolare-videocorso.

Se hai domande, chiedi pure ?

Ciao

Ivan Orizio
Fitness Coach, Autore, Glute Specialist

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Condividi sui Social

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin