fbpx

L’ANORESSIA E IL MONDO DEL FITNESS

Allenamento

L’anoressia e il mondo del fitness

Cerchiamo di capire se il Fitness è CURA per l’anoressia e quali sono le cause di questa patologia.

Partiamo dal presupposto che l’anoressia è una malattia CULTURALE, presente ESCLUSIVAMENTE nel mondo occidentale.

Gli anoressici NON esistevano prima che il canone estetico occidentale fosse legato alla MAGREZZA (sono decine gli studi sociologici che collegano l’anoressia alla società moderna).

Gli asceti nell’antichità rinunciavano a mangiare per motivi religiosi e portavano il proprio corpo sottopeso per ragioni mistiche, ma certamente non possiamo considerarli anoressici.

Gli psicotici gravi si astenevano dal mangiare per ragioni legate alla propria follia, ma non possiamo considerarli ANORESSICI per come definiamo l’anoressia oggi.

L’anoressia è una malattia connessa al concetto di BELLEZZA e al CANONE DELLA MAGREZZA.

Se l’anoressia nervosa esiste è in buona parte e in almeno il 90% dei casi, A CAUSA DEL NEFASTO INFLUSSO CHE IL MONDO DELLA MODA HA IN MERITO ALL’ ATTUALE CANONE DI BELLEZZA.

Se per essere BELLI – nella nostra società – dobbiamo essere SOTTOPESO, allora è chiaro che le menti più fragili cadono vittime dell’anoressia nervosa.

È MATEMATICO!

Per rendertene conto ti basta guardare qualche modella che ha sfilato nella Fashion Week di Milano anno 2020.

Queste ragazze sono paurosamente SOTTOPESO e come tali sono PORTAVOCI DI UN CANONE DI BELLEZZA CHE FA AMMALARE MILIONI DI DONNE!

Ora…facciamoci alcune domande.

– Queste modelle sono anoressiche e soffrono di disturbi alimentari?

Non è detto. Magari sono semplicemente ragazze che DI NATURA hanno poca massa grassa e un metabolismo particolarmente veloce.

Magari mangiano 3000 calorie al giorno, anche se IO NE DUBITO FORTEMENTE.

– Queste modelle usano sostanze anoressizzanti come sibutramina, anfetamine, efedrina e/o si mettono le dita in gola per indursi il vomito ogni volta che mangiano un po’ troppo?

Ancora una volta NON è detto! Magari, come ho scritto sopra, sono dotate di un metabolismo particolarmente veloce e in quanto SEDENTARIE DE-ALLENATE (vale a dire che NON si allenano E SI VEDE!!), hanno un corpo palesemente DEBOLE E SOTTOPESO.

Sono deboli e sottopeso, questo è fuori discussione.

Ma questo non vuol dire per forza di cose che sono delle drogate di anfetamine o che soffrono di bulimia o che sono anoressiche.

TUTTAVIA!

Il fatto che loro stesse NON siano delle tossiche, bulimiche o anoressiche, non significa che la loro influenza culturale non induce milioni di donne ad utilizzare DROGHE e a diventare BULIMICHE e a sviluppare ANORESSIA NERVOSA e DISTURBI ALIMENTARI.

Perché il mondo è pieno di donne che NON sono geneticamente portate per essere magre e NON hanno un metabolismo veloce (come quello che forse hanno queste modelle).

E di conseguenza, questi milioni di donne se “colpite” da queste immagini in un momento particolarmente difficile e psichicamente fragile della propria vita, possono sviluppare anoressia, bulimia e disturbi alimentari.

– Le modelle possono (non è detto) essere magre grazie alla loro giovane età e alla loro incredibile velocità metabolica

Ma milioni di donne non hanno quella stessa velocità metabolica innata e come tali per essere magre devono SMETTERE DI MANGIARE!

Una review pubblicata nel 2018 nella rivista Endocrine, Metabolic & Immune Disorders Drug Targetsha ha affermato come l’anoressia e la bulimia nervosa portano a diverse complicazioni di natura medica fino addirittura al rischio di morte. Il tasso di mortalità di soggetti giovani che soffrono di anoressia nervosa sale a 4–11%, con un rischio di morte 12 volte superiore a quello dei soggetti sani della stessa età.

Ecco spiegata la ragione per cui l’anoressia e i disturbi alimentari sono malattie psichiche del MONDO OCCIDENTALE!

Questo è quello che accade quando leghiamo al concetto di BELLEZZA, quello di MAGREZZA e di DEBOLEZZA, intesa come totale assenza di massa muscolare (“perché la massa muscolare è degli uomini e le donne che hanno massa muscolare sono uomini!” che puttanata colossale!).

E questa è anche la ragione per la quale il Fitness, SE:

– Natural e quindi praticato senza l’uso di farmaci anabolizzanti

– Se NON esasperato e rivolto verso il mondo delle gare Fitness (mondo che è pieno anch’esso di ragazze con una psiche anoressica e disturbi alimentari)

E se abbinato ad una filosofia di vita legata alla FORZA, alla SALUTE e al SORRISO, come lo è XWOMAN (www.xwoman.it/iscrizione-membership).

Allora il Fitness di XWOMAN può essere la giusta alternativa e la giusta “CURA” verso un mondo afflitto dalla piaga nefasta di un’ideale estetico partorito dalla mente malata di stilisti misogini che NON amano le donne e che le usano come MANICHINI PRIVI D’ANIMA.

Manichini privi d’anima per i propri vestiti del cazzo da deviati mentali.

Questo significa che XWOMAN può curare l’anoressia? NO!

XWOMAN può essere la cura per una società malata ma chi è affetta da anoressia e da disturbi alimentari, DEVE INIZIARE UN PERCORSO DI PSICOTERAPIA (percorso di psicoterapia che può certamente affiancare a XWOMAN, ma la terapia è fondamentale).

Mi chiamo Ivan Orizio, sono un Fitness Coach, un Autore Best Seller e il Creatore di XWOMAN, e sto puntando il dito verso il mondo della Moda perché è il mondo della Moda il carnefice che ha distrutto la psiche di milioni di donne nel mondo!

Se leghiamo al concetto di BELLEZZA quello di MAGREZZA (e di essere sottopeso) condanniamo milioni di donne ad una vita triste, con una bassa autostima e con molteplici problemi alimentari.

Se invece (come accade in XWOMAN) leghiamo il concetto di BELLEZZA a quello di FORZA e di SALUTE (perché la massa muscolare è SALUTE), allora “condanniamo” milioni di donne a vivere con il sorriso e in un corpo forte, realmente bello e sano!

XWOMAN è la via www.xwoman.it/iscrizione-membership!

Aiutami a diffonderla!

Ti aspetto nel gruppo Facebook di XWOMAN da qui www.facebook.com/groups/XWOMAN/!

Ciao

Ivan Orizio
Fitness Coach, Autore e Creatore di XWOMAN

ATTENZIONE

Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un medicinale è necessario consultare il proprio medico.

11 Commenti. Nuovo commento

  • Sono d’accordo con tutto tranne per l’ultima immagine che smonta tutto il ragionamento.. Troppo magra non va bene ma rifatta si? Saluti

    Rispondi
    • E’ una modella fitness, il 99% delle modelle fitness hanno il seno rifatto.

      Mi pare che di seno rifatto non si muoia, mentre di anoressia si.

      Se sei contro la chirurgia, questo è tutt’altro discorso che nulla ha a che fare con ciò di cui ho parlato nell’articolo.

      Rispondi
  • Diega Canta
    25 Febbraio 2020 9:13

    Sono assolutamente d’accordo con te Ivan non si può chiamare un corpo anoressico privo Letteralmente di carne, corpo sano,e un insulto ai milioni di persone che purtroppo muoiono di fame e non possono mangiare ,non che non vogliono ,c’è una bella differenza….i canoni di bellezza sono corpo sano, muscoli ,stare bene con se stessi,ma soprattutto avere consapevolezza che l anoressia non porta da nessuna parte,anzi tante volte porta in un viaggio senza ritorno

    Rispondi
  • Daniela Russo
    25 Febbraio 2020 10:31

    La moda continua imperterrita a esibire corpi denutriti e inquietanti. Sostengono un modello di bellezza fuorviante e malato. A nessun uomo piaccionio quelle modelle anoressiche. Nella vita reale donne alte 1.80 con 38 di taglia e 53 kg di peso sono una rarità e non capisco quelle che si affannano ad imitare qualcosa che evoca l’immagine di sofferenza e malattia. Non capisco come gli stilisti, che in genere sono persone colte ed illuminate, ancora si ostinino in questa perversione.

    Rispondi
  • Olimpia Russo
    26 Febbraio 2020 6:39

    Conconcordo pienamente….. io ci sono cascata in questa bestia.. e a 37 anni con il fitness posso urlare al mondo che ne sto uscendo!!!!! Diffondi Ivan.. da mamma ho il terrore possa capitare a mia figlia… alle mie nipotine.. alle mie amiche..
    Basta ste stronzate delle taglie 38!

    Rispondi
  • Delia Maria Sebelin
    29 Febbraio 2020 18:07

    Diverse fonti scientifiche accreditate concordano che il canone di bellezza di oggi, in cui magrezza=bellezza, possa essere uno dei fattori che può provocare DCA. La “colpa”, tuttavia, non va imputata solo alle passerelle. Diverse ragazze anche molto giovani soffrono di patologie legate al cibo perché indotte da sport in cui la bellezza incide. Un esempio? Le pattinatrici, che devono esibirsi con determinati costumi, le pallavoliste, le tenniste. Fortunatamente, molte di loro fanno poi dietrofront quando si accorgono che non mangiando anche le loro prestazioni sportive peggiorano. L’estetica è però una con-causa, che poi viene rafforzata da altri fattori. Ne parla già Hilde Bruch, tra le prime specialiste in materia. Sempre lei sottolinea che per uscire dall’anoressia, la prima cosa non è la psicoterapia.Semplificando molto, infatti, se una persona è troppo sotto peso, non ha la “forza” psicologica di seguire una terapia del genere. Come se uno che soffre di insonnia, spossato dal non dormire, si mettesse a ragionare sul perchè non dorme: non c’è la può fare perché è troppo “in astinenza di sonno”. Quindi prima deve essere aiutato a riprendere a dormire, poi potrà affrontare la psicoterapia. Questo per dire che se si soffre di DCA, è necessario rivolgersi a un medico dietologo specializzato in questi disturbi, riprendere un peso “non a rischio” e POI cominciare con la psicoterapia etc. Questo non lo dico io, ma gli esperti. Se volete, ci sono diversi libri in merito. Uno di questi: La gabbia d’oro, di Hilde Bruch. Per quanto riguarda Xwoman, se una ragazza soffre di DCA è un po’ birder line, nel senso che non è facile che riesca a capire come affrontare il digiuno intermittente o la cheto senza cadere nel pensiero malato di “ridurre” sempre di più l’introito calorico.E in questo caso l’immagine sana di xwoman potrebbe risultare per la persona affetta da DCA troppo debole. Ma non perché in sé Ivan e Co. diffondono un’immagine debole, ma perché le persone in anoressia nervosa hanno una visione molto distorta del loro corpo. Per tale ragione, XWoman può essere molto utile una volta usciti dalla malattia, non prima, non in fase di percorso nutrizionale riabilitativo, ma dopo, come RAFFORZATIVO di un canone di bellezza SANO, in cui le curve ci stanno e come nei punti giusti, in cui quando è necessario fare massa c’è bisogno che l’ago della bilancia salga. E deve salire, per poi poter plasmare. Sarebbe impossibile definire uno scheletro…

    Rispondi
    • Ivan Orizio
      2 Marzo 2020 18:45

      Bel commento. Brava

      Rispondi
      • Delia Maria Sebelin
        4 Marzo 2020 9:54

        Ivan… mi son fatta male alla testa per colpa tua! Infatti sono arrossita, mi sono gonfiata come una mongolfiera e sono andata a sbattere contro il soffitto! Scherzi a parte, grazie di cuore.

        Rispondi
  • Il tuo ragionamento non fa una piega??

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

ARTICOLI CORRELATI

Menu
Open chat