Quando preoccuparsi del cortisolo

QUANDO PREOCCUPARSI DEL CORTISOLO

– In diete fortemente ipocaloriche

– In diete low carb e/o dove non sono presenti carboidrati serali

– In stati di privazione di sonno (le neomamme compaiono negli studi sulla privazione del sonno a fianco dei piloti d’aerei e dei militari)

– Se lavori facendo turni e non hai una sana routine del sonno (se quindi in una settimana vai a letto alle 9 di sera e in quella dopo alle 9 di mattina, come chi è sottoposto ad un continuo jet lag)

– Se senti di essere particolarmente stressata per problemi familiari o sul lavoro

Allora inizia a preoccuparti.

Il cortisolo è un ormone catabolico prodotto dalle ghiandole surrenali che ha la funzione di mobilizzare l’energia stoccata sotto forma di tessuto adiposo e sotto forma di massa muscolare, al fine di convertirla a scopo energetico.

CORTISOLO –> TESSUTO ADIPOSO E MUSCOLARE –> GLUCOSIO EMATICO

Cosa c’è di sano in questo processo?

– Che nel mondo selvaggio, i muscoli e il tessuto adiposo vengono utilizzati a scopo energetico

– Per alimentare il corpo in una reazione attacco-fuga

– Per il tempo necessario a combattere o fuggire

– Finché la causa dello stress non è sparita

– Infine, la produzione di cortisolo cessa e si ritorna ad uno stato di quiete

Il cortisolo mobilizza il glucosio, che il corpo in Natura utilizza immediatamente.

TUTTAVIA

Nel mondo moderno le cose non funzionano più in questo modo. Oggi lo stress è soprattutto mentale e non fisico, e come tale perdura per settimane o addirittura mesi di fila, senza darci pace e senza possibilità da parte nostra di fuggire dal nostro aggressore o distruggerlo.

Lo stress fisico acuto, sotto forma di lotta o fuga, abbassa la glicemia causata dal cortisolo, grazie al fatto che l’attività fisica che ne deriva è intensa e immediata.

Oggi invece all’alto livello di stress non è quasi mai connesso uno sforzo fisico intenso, ecco quindi che i nostri livelli di glicemia hanno bisogno dell’intervento dell’INSULINA per poter riportare il glucosio ematico a livelli ottimali.

Seguimi in questo passaggio delicato.

CORTISOLO –> ormone iperglicemizzante (che alza la glicemia) e catabolico (che cannibalizza il tessuto adiposo e quello muscolare)

INSULINA –> ormone ipoglicemizzante (che abbassa la glicemia) e anabolico (che aumenta le scorte adipose e in rare condizioni anche quelle muscolari)

CORTISOLO –> TESSUTO ADIPOSO E MUSCOLARE –> GLUCOSIO EMATICO –> INSULINA –> IPOGLICEMIA REATTIVA –> AUMENTO DELLE SCORTE ADIPOSE (con conversione del tessuto muscolare in tessuto adiposo)

Questa è la ragione per la quale il cortisolo fa spesso ingrassare chi è stressato o sottoposto a periodi di privazione del sonno.

I muscoli vengono convertiti in glucosio che a sua volta è convertito in tessuto adiposo.

In sostanza, i muscoli si trasformano – a causa di un processo che coinvolge cortisolo e insulina – in grasso.

MUSCOLI –> ZUCCHERO EMATICO –> GRASSO

È un pessimo scenario, ma è quello in cui ogni persona del mondo sottoposta a forti stress viene a trovarsi

DOVE PORTA TUTTO QUESTO?

– Verso difficoltà a dimagrire e a veicolare il dimagrimento in direzione delle cellule adipose (anziché quelle muscolari)

– Verso facilità nel perdere massa muscolare anche se la dieta è perfetta e anche se ti alleni come insegno

– Facilità ad ingrassare

– Glicemia basale alta con conseguente danno al sistema cardiovascolare

– Sovrapproduzione di insulina con insorgenza di resistenza all’insulina e diabete

RICAPITOLANDO:

– La produzione cronica di cortisolo è legata allo STRESS mentale o fisico

– La resistenza all’insulina, laddove non deriva da una pessima dieta ricca di cibi industriali, è anch’essa connessa allo stress e alla sovrapproduzione di cortisolo

IL CORTISOLO:

– Aumenta la disponibilità di energia pronta all’uso

– Incrementa i livelli di glucosio ematico

– Aumenta la produzione di insulina e causa resistenza ad essa

– Cannibalizza la massa muscolare

Il suo rilascio durante uno sforzo fisico intenso è fisiologico, ma Madre Natura non ci ha progettati per vivere costantemente stressati a livello mentale e per settimane di fila.

Come puoi capire da questo scenario, il cortisolo – se cronicamente alto – è nemico del dimagrimento, della salute e dell’estetica.

Il cortisolo, inoltre:

– Rallenta il metabolismo

– Diminuisce la conversione dell’ormone tiroideo T4 (ormone tiroideo poco attivo) nel più attivo ormone T3

– Aumenta la produzione della proteina legante T3, che legandosi al T3 ne annulla l’effetto (rallentando ulteriormente il metabolismo)

– Riduce il sistema immunitario (ecco perché nei periodi di stress è più facile ammalarsi)

– Aumenta la pressione sanguigna e la ritenzione idrica modulando la produzione di aldosterone e vasopressina

– Riduce la produzione di testosterone ed estrogeni, portando a infertilità, alterazioni del ciclo mestruale e mancanza di libido

Inoltre, è in grado di alterare il ritmo circadiano, modificando il ciclo sonno-veglia e rendendo difficile il prendere sonno alla sera e avere energia al mattino.

Se ti ritrovi in questo schema e hai:

– Poca energia al mattino e molta alla sera

– Poca libido

– Pressione sanguigna alta

– Glicemia basale alta

– Bassa velocità metabolica

– Molta ritenzione

È possibile che tu sia in una situazione di forte stress mentale o fisico.

COME RISOLVERE IL PROBLEMA?

La chiave è innanzitutto DORMIRE e aiutare il corpo ad entrare in stato PARASIMPATICO. Di RIPOSO e RECUPERO.

Per farlo:

– Mangia soprattutto alimenti naturali, idratati e integrali

– Consuma carboidrati soprattutto alla sera (come ti ho insegnato)

– Non bere alcol (se non alcolici a bassa gradazione, di qualità, e in sporadiche occasioni)

– Evita deficit calorici troppo marcati (perdere lo 0.5% del peso a settimana è bene, mentre oltre è male)

– Cerca di eliminare la fonte dello stress o impara a conviverci

– TROVA IL TEMPO per dormire 8 ore al giorno, tutti i giorni, per settimane di fila

– Non bere caffè

– Non fumare

– Assumi erbe rilassanti alla sera, per indurre il sonno ed entrare in uno stato di quiete

– Integra con Vitamina D e Omega3 ad alto dosaggio

E dulcis in fundo, MEDITA.

La meditazione è un potente alleato per permettere il passaggio dalla simpaticotonia alla parasimpaticotonia. Per passare quindi da uno stato di attivazione a uno di rilassamento.

Non importa che forma di meditazione decidi di praticare, se basata sulla respirazione o sulla visualizzazione o sul vuoto mentale, ciò che conta è dare alla mente il modo di interrompere il flusso di pensieri tossici al quale siamo costantemente sottoposti, per trovare la quiete.

Se non lo hai già fatto, iscriviti a XWOMAN da qui http://www.allenamentoxwoman.it/offerta

Ciao

Ivan Orizio
Fitness Coach, Autore e Creatore di XWOMAN

ATTENZIONE

Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un medicinale è necessario consultare il proprio medico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

ARTICOLI CORRELATI

Menu
Open chat