fbpx

COME DEVI ALLENARTI SE SEI GINOIDE

Come devi allenarti se sei ginoide

In questo articolo partirò dalla fisiologia e solo alla fine ti darò la SOLUZIONE DEFINITIVA per combattere il grasso ginoide.

NON scorrere la pagina per andare immediatamente alla fine dell’articolo perché devi prima capire che cosa si intende per GRASSO GINOIDE e perché essere ginoide NON è una condizione patologica per una donna.

È anzi ASSOLUTAMENTE NORMALE!

Quando parliamo di GRASSO GINOIDE spesso e volentieri lo mettiamo in relazione con la CELLULITE. Per quale ragione?

Perché il GRASSO GINOIDE che si localizza attorno alle gambe e ai glutei esaspera il tessuto connettivo femminile, che degenerando dà vita alla trama A BUCCIA D’ARANCIA tipica della cellulite.

Per approfondire questo discorso in merito alla cellulite, una volta finito questo articolo clicca QUI www.xwoman.it/glutei-perfetti

Dal punto di vista didattico le sedi di accumulo del grasso nel corpo umano, sono tre: quella SOTTOCUTANEA, quella VISCERALE e quella INTRAMUSCOLARE.

1) Il grasso sottocutaneo va ad accumularsi sopra ai muscoli e sotto alla pelle e crea problemi di carattere estetico.
È lui il responsabile delle CULOTTE DE CHEVAL e della CELLULITE.

Colpisce soprattutto le donne perché è influenzato dagli alti livelli di ESTROGENI.

2) Il grasso viscerale è invece costituito da tessuto adiposo che va a localizzarsi attorno agli organi della cavità addominale, tipicamente nel sesso maschile.

Pur non causando aggravanti estetiche è responsabile di gravi patologie cardiovascolari che negli anni portano ad infarto e ictus.
È influenzato dai livelli di ANDROGENI e dai bassi livelli di estrogeni.

3) Il grasso intramuscolare infine, è quello che si localizza all’interno dei muscoli e che funge da carburante energetico nell’attività fisica di lunga durata.

NOTA BENE: Il grasso viscerale è tipicamente maschile mentre quello sottocutaneo tipicamente femminile. Gli uomini hanno infatti alti livelli di androgeni e le donne alti livelli di estrogeni.

Esistono uomini con grasso ginoide e donne con grasso androide, ma sono una rarità.

La corporatura androide e maschile immagazzina grasso a livello viscerale nella cavità addominale e attraverso questa sede d’accumulo, subisce l’effetto nefasto di tutte le patologie cardiovascolari legate al sovrappeso.

Gli uomini vivono mediamente meno delle donne: eccone la causa.

IL GRASSO GINOIDE è invece localizzato attorno alle cosce e ai glutei e pur NON costituendo assolutamente un pericolo per la salute, è decisamente RESISTENTE AL DIMAGRIMENTO.

I recettori adipocitari del GRASSO GINOIDE sono chiamati RECETTORI ALFA.

Essi sono poco sensibili sia alla privazione calorica che all’adrenalina indotta dall’allenamento. Tradotto: liberarsene e dimagrire in quelle zone NON è facile.

Che cosa succede infatti quando ci mettiamo A DIETA?

Che le catecolamine come l’adrenalina e la noradrenalina portano il segnale lipolitico alle cellule adipose, interagendo con degli specifici recettori chiamati adrenorecettori.

Gli adrenorecettori si dividono in due categorie:

  1. I RECETTORI BETA
  2. I RECETTORI ALFA

Entrambi sono deputati all’interazione con le CATECOLAMINE e lo fanno in MODI OPPOSTI.

Ogni qual volta le catecolamine indotte dall’attività fisica e dalla dieta interagiscono con I RECETTORI BETA, si ha un aumento della LIPOLISI e del DIMAGRIMENTO.

AL CONTRARIO ogni volta che le catecolamine interagiscono con I RECETTORI ALFA, NON si ha un aumento della lipolisi e del dimagrimento.

– La riduzione calorica e IL DEFICIT CALORICO permettono al corpo di utilizzare i trigliceridi stoccati negli adipociti COME FONTE DI ENERGIA

– Il corpo utilizza in via del tutto preferenziale gli ADIPOCITI DOTATI DI RECETTORI BETA

– Gli adipociti dotati di recettori alfa sono invece GLI ULTIMI a essere svuotati

Il solo modo per intaccare gli ADIPOCITI ALFA è quello di DIMAGRIRE PRIMA IN TUTTO IL CORPO, perché è solo quando non ci sono più adipociti beta da utilizzare che gli adipociti alfa possono svuotarsi.

  1. Un modo per intaccare gli adipociti alfa direttamente SENZA PRIMA SVUOTARE GLI ADIPOCITI BETA, è LA LIPOSUZIONE
  2. Il secondo modo per targhettizzare gli adipociti alfa bypassando in parte gli adipociti beta, è l’ALLENAMENTO CON I PESI abbinato ad una dieta CHETOGENICA.

Si è visto infatti che la calma insulinica indotta dalla dieta chetogenica, ha l’effetto di sensibilizzare gli adipociti alfa all’azione delle catecolamine.

In un contesto di CALMA INSULINICA gli adipociti alfa diventano più sensibili all’azione dell’adrenalina e della noradrenalina, divenendo quindi più ricettivi all’effetto dimagrante dell’allenamento e della dieta.

Uno studio pubblicato nel 2017 nella European Review for Medical and Phrmacological Sciences ha analizzato gli effetti di una dieta chetogenica a basse calorie sulla perdita di peso e sui parametri di salute. In 3 settimane la percentuale di grasso androide dei soggetti dello studio è diminuita dell’1,8% mentre il grasso ginoide è sceso di ben il 6,3%.

PUNTO NUMERO 1)

COME ALLENARTI SE SEI GINOIDE?

PUNTO NUMERO 2)

COME MANGIARE SE SEI GINOIDE?

Iniziamo dal punto numero uno: COME ALLENARTI SE SEI GINOIDE?

Molti Personal Trainer sostengono infatti che se sei ginoide:

– Le gambe NON vanno allenate

– Devi fare molto cardio

– Devi usare pesi leggeri

– Devi fare migliaia di ripetizioni

In realtà la questione è molto più complessa di così perché come ti ho spiegato, il fatto di essere ginoide riguarda LE SEDI DI ACCUMULO DI GRASSO CORPOREO, con grasso sottocutaneo, e la tipologia di recettori adipocitari (con i recettori alfa).

In quanto ginoide NON hai una massa muscolare differente da chi è androide, ma al contrario, per sviluppare massa muscolare e per rendere la gamba più rocciosa e vascolarizzata, ciò che devi fare è esattamente quello che fanno tutte le donne e tutti gli uomini: DEVI ALLENARTI CON I PESI!

L’allenamento con i pesi è un ingrediente fondamentale per aumentare:

– La solidità della tua massa muscolare

– La rocciosità dei tuoi tessuti

– La vascolarizzazione localizzata con potente effetto DRENANTE

– La termogenesi cellulare con potente effetto lipolitico localizzato (Si! Se alleni le gambe induci dimagrimento localizzato)

È evidente quindi che SOPRATTUTTO SE SEI GINOIDE, devi allenare le gambe e in special modo i glutei.

Esercizi come Barbell Hip Thrust, Cable Kick Back, Romanian Deadlift, Cable Pull Through, Sumo Squat e Glute Machine, devono diventare IL TUO PANE QUOTIDIANO.

Se vuoi un assaggio di questi esercizi e del mio protocollo di allenamento, da qui puoi scaricare una SCHEDA GRATUITA DI UN MESE specificamente studiata per trasformare il tuo LATO B. Clicca qui e scaricala immediatamente www.xwoman.it/videoserie.

NOTA BENE: molte donne notano un aumento della ritenzione nel momento in cui incominciano ad allenarsi con i pesi.

Questo può succedere soprattutto in chi passa dalla sedentarietà all’allenarsi tanto e SOLO NEL PRIMO MESE, a causa del fatto che il corpo non è abituato all’aumento del metabolismo localizzato indotto dall’allenamento con i pesi e come tale, vi è un conseguente aumento della ritenzione localizzata.

Questo effetto è totalmente TEMPORANEO e NON negativo, dal momento che un aumento della termogenesi localizzata implica anche una migliore attività lipolitica nelle culotte de cheval.

Con il passare dei mesi di allenamento la ritenzione DIMINUISCE mentre la TERMOGENESI LOCALIZZATA continua ad aumentare.

Questo naturalmente succede solo se alleni i tuoi glutei ALMENO UNA VOLTA A SETTIMANA (o più) in modo PAUROSAMENTE PESANTE, come ti insegno a fare nel mio protocollo di allenamento (Se non vuoi provare quello gratuito ma passare direttamente a quello a pagamento, puoi iscriverti da qui www.xwoman.it/iscrizione-membership).

INOLTRE:

Puoi utilizzare prodotti specifici che contengano ingredienti a scopo:

– Drenante e Vascolarizzante

– Lipolitico

– Antinfiammatorio

Con il mio socio Mr. Rosignuolo e XWOMAN Nutrition abbiamo creato un mix di integratori formulati con ingredienti mirati a contrastare gli inestetismi della cellulite.

Puoi ordinare il tuo pacchetto da qui => www.xwomannutrition.com/prodotto/cell-pack

Utilizza questo mix di prodotti eccezionali in sinergia con il mio sistema di allenamento.

Rimarrai impressionata dai risultati!

Per quanto riguarda il punto numero due e vale a dire la dieta chetogenica.

La dieta chetogenica è un tipo di alimentazione in cui i grassi sono settati a circa il 70% dell’introito calorico giornaliero, le proteine attorno al 20% dell’introito calorico giornaliero e i carboidrati al 10%.

Per capire a fondo questi concetti devi:

– Conoscere il valore del tuo EQUILIBRIO METABOLICO

– Saper impostare un DEFICIT CALORICO in modo corretto

– Conoscere il tuo fabbisogno proteico

– Saper regolare una dieta LOW CARB e HIGH FAT

Dal momento che per spiegarti tutti questi passaggi servirebbe un nuovo articolo di 20 pagine, ti consiglio la lettura del mio libro sulla dieta flessibile intitolato Il Libro Sacro della Dieta Flessibile.

Al suo interno ti insegno tutto quello che devi sapere sul controllo delle calorie e dei macronutrienti (dei carboidrati, delle proteine e dei grassi).

Spiegandoti perché nelle prime fasi di dimagrimento NON devi utilizzare una dieta chetogenica, mentre puoi farlo quando la tua massa grassa è già bassa e sei arrivata al punto di attaccare il grasso ginoide.

Per quanto riguarda gli adipociti beta infatti, NON serve una dieta chetogenica.

Quando invece hai sconfitto gli adipociti beta e sei arrivata vicino al tuo obiettivo in termini di massa grassa e vuoi debellare l’ultimo grasso ginoide rimanente, a quel punto puoi farlo con una dieta LOW CARB.

Dal momento che giocando con le calorie e con i macros c’è il rischio di fare errori, soprattutto se non sei ferrata sui concetti relativi all’equilibrio metabolico e alla corretta velocità del dimagrimento, leggere Il Libro Sacro della Dieta Flessibile è la scelta migliore che puoi fare.

Lo trovi qui! www.xwoman.it/librosacro.

Se hai domande in merito a tutto ciò di cui ho parlato in questo articolo, fammele nel gruppo Facebook di XWOMAN (www.facebook.com/groups/XWOMAN)

Ciao e buoni allenamenti!

Ivan Orizio

Fitness Coach, Autore e Creatore di XWOMAN

ATTENZIONE

Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un medicinale è necessario consultare il proprio medico.

38 Commenti. Nuovo commento

  • Come sempre, molto chiaro, preciso e di facile comprensione!!
    Un articolo preziosissimo! ?
    Grazie Ivan

    Rispondi
  • Ciao Ivan, grazie per queste preziose informazioni, volevo chiederti, come faccio a capire che sono arrivata all’ultima fase del dimagrimento e posso iniziare la chetogenica?

    Rispondi
    • Ivan Orizio
      25 Giugno 2019 13:52

      Ciao Daniela.

      Il tuo corpo se sei realmente ginoide è diviso in due.

      Con un upper (la parte sopra la cintura) asciutto, e un lower (le gambe e i glutei) appannato, acquoso e poco denso.

      Quando l’upper è davvero asciutto e quando tutti i distretti corporei sono magri, al di fuori che il punto dove hai grasso ostinato (se sei ginoide sono i glutei, le gambe e via di seguito) a quel punto è il momento di iniziare la chetogenica.

      Rispondi
  • Ciao Ivan sempre molto esaustivo…ho ricevuto la tua scheda glutei …a causa di un infortunio non ho potuto ancora utilizzarla…però ho iniziato a fare esercizi con macchine tipo pressa glutei machine e squot senza pesi… volevo chiederti io ho 54 anni e sono in menopausa…peso attualmente 58 kg alta 159 cm… ho perso due kili nell’ultimo mese facendo dieta medium karb…il mio problema è il grasso che si è accumulato intorno ai fianchi…ti sarei grata de mi puoi dare consigli …faccio plank e montein clamb …grazie

    Rispondi
    • Ivan Orizio
      25 Giugno 2019 13:55

      Ciao Silvia, entra nel gruppo di XWOMAN (gruppo Facebook gratuito), da qui bit.ly/XWFb.

      Li ti diremo tutto quello che devi fare.

      E’ più pratico che farlo qui.

      Rispondi
  • Ma se io fossi Androide e nn ginoide?

    Rispondi
    • Ivan Orizio
      25 Giugno 2019 13:48

      Il grasso androide Simona è più facilmente colpibile attraverso la dieta ipocalorica.

      I recettori del grasso androide sono più sensibili all’adrenalina quindi sia con l’allenamento che con l’alimentazione, è facile perderlo.

      Prova con questo protocollo bit.ly/librosegreto

      Rispondi
  • Ciao Ivan,
    bellissimo articolo,ma non ho capito quindi come procedere dato che nella prima parte parli della chetosi come metodo per targettizzare gli adipociti alfa bypassando in parte i beta e nella seconda invece consigli di approdare alla chetogica soltanto dopo aver sconfitto gli adipociti beta…?
    Perdona la “capraggine” e risolvi il mio scervellamento please ?

    Rispondi
    • Ivan Orizio
      14 Agosto 2019 21:16

      Prima devi perdere peso in tutto il corpo, dimagrendo con la dieta più adatta al tuo morfotipo (non necessariamente quindi a bassi carboidrati).

      Poi, quando sei dimagrita ovunque ma permane il grasso ostinato, a quel punto puoi passare a una low carb e targhettizzare gli adipociti alfa.

      I beta sono i primi a svuotarsi e si svuotano con qualsiasi dieta.

      Gli alfa (come il fondo di una piscina) si svuotano per ultimi, e solo quando sei già magra.

      E una dieta low carb ad alti grassi, è un buon approccio. Ma funziona solo alla fine del processo.

      Rispondi
  • Emanuela Camerini
    5 Settembre 2019 8:58

    Ciao Ivan, potresti dedicare un articolo ai problema del binge eating e al grasso attorno al punto vita? (Pancia, stomaco e le maledette maniglie)?
    PS: sono nuova, ho fatto il mese di prova incentrato sui glutei e sono al termine della seconda settimana della fase 1, se già ci sono gli articoli segnalatemeli vi prego! Nel frattempo complimenti per la vostra attività, le spiegazioni sono esaurienti e vedendo tante donne con i miei stessi problemi aver raggiunto risultati incredibili fa sentire meno soli e più motivati!

    Rispondi
    • Ciao Emanuela, scusa se rispondo solo ora.

      Eleonora Gorla, la nutrizionista di XWOMAN, scriverà sicuramente un articolo sul tema.

      Entra nel gruppo Facebook di XWOMAN da qui bit.ly/XWFb, li rispondo molto più velocemente e la prossima volta non dovrai aspettare due settimane per la mia risposta.

      Rispondi
  • Roberta Marcazzan
    5 Settembre 2019 18:00

    Ciao Ivan, quanto dovrebbe durare la fase di cheotgenica? Ps io vengo da un passato di disturbi alimentari (Bing eating disorder) Ho paura di non farcela ad abbandonare i carboidrati. In passato avevo provato ma non sono resistito più di 15 gg

    Rispondi
    • Se vieni da un passato di disturbi alimentari, la dieta chetogenica non è quella che fa al caso tuo.

      E’ troppo restrittiva e porta sicuramente a episodi di binge eating.

      Comunque, entra nel gruppo Facebook di XWOMAN da qui bit.ly/XWFb, li rispondo mooolto più velocemente 😉

      Rispondi
  • Ciao ivan io mi sono appena iscritta al programma sono ginoide devo a detta delle tutor fare una dieta leggermente ipocalorica. Il mio problema è che da 6mesi per problemi di tiroide ho tolto tutti i carboidrati insulinici e formaggi,come mi comporto con la dieta flessibile?
    inoltre volevo chiederti al posto degli Hilt si può fare la scheda glutei oltre alle tre di allenamento? Grazie

    Rispondi
    • Ciao Annamaria, entra nel gruppo di XWOMAN da qui bit.ly/XWFb e poni la domanda sulla dieta alla nostra Nutrizionista, Eleonora Gorla.

      Riguardo al resto, non c’è bisogno di aggiungere la scheda glutei al programma, dato che il programma è già molto incentrato sui glutei.

      Fai HIIT se devi perdere peso, o solo pesi se devi fare massa muscolare.

      Rispondi
  • Donatella De patre
    15 Ottobre 2019 14:00

    Ma allora la donna ginoide deve fare il barbell back squat con carichi alti?

    Rispondi
    • Ivan Orizio
      17 Ottobre 2019 13:08

      I carichi alti sono la base per l’ipertrofia muscolare.

      La muscolatura non cresce con pesi bassi, quindi l’effetto termogenico localizzato, dato dai muscoli, non si attiva, se ti alleni con i pesi bassi.

      Di conseguenza, una ginoide che si allena con pesi leggeri, ha molte probabilità di restare ginoide. A differenza di una ginoide che si allena con pesi pesanti (con testa, seguendo XWOMAN http://www.xwoman.it/iscrizione-membership).

      A volte però si confonde l’essere ginoide, cioè mettere grasso sotto alla cintura, con invece essere ginoide + avere problemi linfatici + avere gravi problemi vascolari con insufficienza venosa.

      In quel caso non si possono usare pesi pesanti e l’allenamento va studiato nel dettaglio.

      Rispondi
  • Grandi Maria Cristina
    12 Dicembre 2019 10:26

    Ciao Ivan, mi sono iscritta al programma collagene ,sono alla fase 3 della prima settimana, volevo chiederti: sono in menopausa da quasi un anno, peso 54.6 kg alta 1,63, il mio probema è il po di grasso addominale e maniglie dell amore un po accentuato 🙂 , ho alcuni buchetti nei glutei ma sono abbastanza magra e ho il colesterolo a 245 , ahimè, sarei grata se mi puoi dare un consiglio per risolvere con i vostri integratori . Quali posso iniziare? Ancora non ho capito se sono ginoide o andriode, e che dieta posso fare per mettere la mia massa muscolare. Perdonami il mio scervallamento

    Rispondi
    • Ciao, hai Facebook? Se si entra in questo gruppo bit.ly/XWFb. E’ il gruppo Facebook di XWOMAN, li lo staff ti risponderà a ogni domanda.

      Per il resto, inizia ad allenarti, mangia bene, vedrai che in breve tempo i parametri ematici miglioreranno e il grasso addominale diminuirà.

      L’allenamento e l’alimentazione sana sono la chiave.

      Rispondi
  • Ciao Ivan, leggo tutti i tuoi articoli, sono interessanti ed esaustivi. Ma ho seri problemi di schiena e i carichi e gli allenamenti che proponi sono distruttivi per me. Ogni volta resto bloccata e ferma x mesi… Vivo abbastanza di rendita xké ho lavorato con i pesi fino a oltre 30 anni, ma adesso mi accorgo che quello che facevo prima non va piu bene. Dovresti creare protocolli alternativi ed efficaci x chi non può sostenere quei carichi.

    A presto!

    Rispondi
  • Ciao ivan e se invece fosse il contrario nel senso gambe e glutei ok e laddome fosse la parte più grossa? Che tipo di dieta ed esercizi si dovrebbero fare ! Laddome e il mio punto debole nonn eccessivo ma comunque dove tendo ad instradaste più facilmente. I glutei con il protocollo riesco a farli facilmente già di mio ho la gamba muscolosa . Grazie

    Rispondi
    • Ivan Orizio
      1 Febbraio 2020 15:12

      Devi mangiare bene e in ipocalorica per perdere grasso addominale.

      L’addome non è una zona sensibile all’allenamento (all’allenamento in generale si, non all’allenamento addominale), quindi allenati con il protocollo di XWOMAN e stai a dieta.

      Non c’è altra via.

      Rispondi
  • Simonetta Pusceddu
    6 Marzo 2020 23:26

    L’ho divorato .
    Seguirò i tuoi consigli grazie Ivan quello che publichi vale più dell’oro?

    Rispondi
  • Gloria Gianinazzi
    7 Marzo 2020 7:40

    Ciao Ivan ma una domanda, se dovessi iniziare la dieta chetogenica, il pasto libero esiste ancora? O a quel punto essendo una dieta particolare andrei a “rovinare tutto”?
    E la ricarica di carbo ogni tot la terresti?
    Grazie mille!
    Gloria

    Rispondi
    • Ivan Orizio
      7 Marzo 2020 12:43

      Tecnicamente, puoi inserire una ricarica di carboidrati puliti (riso integrale, pasta integrale, etc.) nel post workout.

      Magari non in tutti i workout ma solo in quelli maggiormente intensi e densi, i più pesanti insomma.

      Un paio di volte a settimana ci può stare.

      Mentre non farei il pasto libero nel weekend, ha poco senso.

      Ma tutto è relativo in base a quanto devi perdere e alla tua velocità metabolica, se hai un metabolismo molto veloce puoi ovviamente mangiare tutti i carboidrati che vuoi.

      Rispondi
      • Gloria Gianinazzi
        7 Marzo 2020 21:06

        In realtà perdere poco…dalla dieta e allenamento di vari anni mi è rimasta una leggera ritenzione /culotte de Cheval da perdere…

        Grazie mille della risposta!

        Rispondi
  • Il cell reset o qualsiasi altro integratore può essere usato in gravidanza? Grazie a chi risponderà

    Rispondi
    • Ivan Orizio
      7 Aprile 2020 11:46

      Ciao Giovanna,

      In gravidanza puoi assumere ciò che il tuo medico ti permette di assumere. Devi chiedere a lui.

      Rispondi
  • Ciao e per quanto riguarda la donna androide?
    Come deve alimentarsi e allenarsi?

    Rispondi
    • La chiave del dimagrimento è data dall’ipocalorica.

      Introdurre meno calorie di quelle che consumi nel corso della giornata.

      L’allenamento è ovviamente lo stesso sia per chi è androide che per chi è ginoide. Si allenano i muscoli, non il grasso.

      Quindi allenamento + dieta ipocalorica.

      Rispondi
  • Ciao
    Io ho già fatto più ordini di tutti i prodotti xwoman e mi trovo benissimo
    Ho già tutta la serie dei libri tutti !
    Ho già iniziato gli allenamenti seguendo i consigli che ho trovato dentro il pacchetto drenanti ecc ecc e devo dire che x quel che riesco da sola a casa con pesi e un semplice tappetino vedo già risultati
    Però vorrei provare a vedere questi video , ho già provato e ri provato a inviare i dati ma nn mi arriva mai nulla
    Come si può fare ?
    Poi comunque ho in mente di iscrivermi
    Grazie mille ciao

    Rispondi
  • Sono nancy ilio problema è il grasso nella parte superiore! Odio y mie braccia e y dorsali con grasso che non riesco a amalo facilmente questo mi fa stare giù

    Rispondi
  • Donatella De patre
    15 Maggio 2021 18:55

    Ciao Ivan ma mi spieghi se è meglio uno squat tradizionale o un sumo squat per una donna che tende ad essere quad dominant? O è meglio evitare del tutto lo squat?

    Rispondi
    • Ivan Orizio
      15 Maggio 2021 19:01

      Evitare lo Squat è una pessima idea.

      E la differenza nell’attivazione dei quadricipiti tra Sumo e Classic, sono minime.

      Fai Squat, la variante che ti viene meglio, dove hai maggiore profondità e maggiore stabilizzazione. Ognuno sviluppa la propria genetica, se hai quad muscolosi, non li avrai mai esili.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

ARTICOLI CORRELATI

Menu
Open chat