Un buon multivitaminico può sostituire il mangiare frutta e verdura in abbondanza?

UN BUON MULTIVITAMINICO PUÒ SOSTITUIRE IL MANGIARE FRUTTA E VERDURA IN ABBONDANZA? La risposta è… probabilmente NO, e ora ti spiego il perché.

Partiamo da una premessa. La frutta e la verdura sono alimenti pieni di vitamine, minerali e fibre.

Per questa ragione, siamo portati a pensare che se assumiamo quelle vitamine, quei minerali e quelle fibre, da sole, con un multivitaminico, un multi-minerale e con un integratore di fibre, avremo soddisfatto il fabbisogno di tutto ciò che di benefico la frutta e la verdura hanno da offrire, e ne avremo quindi “pareggiato” il beneficio per la salute.

In sostanza, il pensiero di molti è il seguente:

– “Non mangio frutta e verdura”

– “Ma integro con un buon multivitaminico e con un integratore di fibre”

– “E quindi sono a posto così. La mia salute e la mia estetica saranno comunque al top, anche se non ho un’alimentazione sana e ricca di frutta e verdura”

Spacchettiamo quest’affermazione e vediamo dov’è il problema.

Innanzitutto, una vitamina NON è una vitamina.

La vitamina NON è una cosa, quanto piuttosto un insieme di cose. Nello specifico, le vitamine sono un insieme di composti chimici chiamati VITAMERI.

La Vitamina C ad esempio non è una singola vitamina, ma un insieme di vitameri che contribuiscono alla stessa interazione biochimica con l’organismo umano, causando un effetto simile sulla salute umana.

Quando leggi l’etichetta degli ingredienti su una bottiglia di Vitamina C, noterai probabilmente un qualcosa chiamato “acido ascorbico”.

L’acido ascorbico è un vitamero della Vitamina C, ed è solo un tipo di Vitamina C.

Ogni vitamero della famiglia della Vitamina C ha una struttura molecolare simile e la parola “Vitamina C” non si riferisce ad una cosa sola, ma è un termine generico che copre tutti i vari composti ionici dell’ascorbato:

– Acido Ascorbico

– Acido Deidroascorbico

– Ascorbato di Calcio

– Ascorbato di Sodio

– Ascorbato di Potassio

La Scienza NON è tuttavia certa del fatto che rimuovendo un vitamero dai legami con tutti gli altri vitameri, esso, da solo, produrrà lo stesso effetto sulla salute umana.

La Vitamina A, ad esempio, include:

– Retinolo

– Retina

– Alfa-Carotene

– Beta-Carotene

– Gamma-Carotene

– Beta-Criptoxantina

Tutte queste molecole sono chiamate Vitamina A, ma non tutte hanno le stesse funzioni per l’organismo umano.

Nessuno di questi dettagli è particolarmente importante, li ho riportati esclusivamente per farti capire che una VITAMINA non è una cosa, quanto piuttosto un INSIEME di cose.

E questo insieme di cose è fatto da altre “cose singole” che hanno proprietà differenti e spesso molto distinte a livello biochimico e di interazione con il corpo umano.

È possibile rimuovere un vitamero dal suo gruppo vitaminico e aspettarsi che da solo, produca risultati simili al gruppo intero?

La risposta è… che non abbiamo una risposta intelligente e scientifica a questa domanda.

Isolare i vitameri dal loro gruppo vitaminico, per poi venderli sotto forma di “vitamine” e aspettarci che producano lo stesso effetto di un’arancia o di un piatto di broccoli, è un’ipotesi non attualmente confermata dalla scienza.

Potrebbe funzionare, ma non siamo sicuri al 100% del fatto che le vitamine funzionino davvero così.

Cosa c’è di magico nella verdura e nella frutta? Non lo sappiamo con certezza, ma è lecito sospettare che l’assorbimento delle vitamine, dei minerali e delle fibre, nonché la biodisponibilità delle stesse, sia maggiore, se assumiamo vitamine a partire dai cibi veri piuttosto che da un integratore multivitaminico.

È lecito sospettare anche, che i benefici per la salute causati dalla frutta e dalla verdura, derivino da combinazioni sinergiche di sostanze fitochimiche, che in abbinamento ai vitameri, alle fibre e ai minerali, provocano un effetto migliorativo e potenziante per la salute umana.

L’assunzione di vitameri isolati ha lo stesso effetto potenziante? Forse, ma non è una garanzia.

Per questa ragione, l’assunzione di vitamine e antiossidanti nonché di fibre e minerali “in pastiglia”, può essere una buona strategia d’emergenza nel caso in cui non è momentaneamente possibile mangiare cibo vero, naturale e idratato, come la frutta, la verdura e gli alimenti di origine animale e vegetale.

Se nella vita fai l’astronauta e se sulla tua base spaziale non è presente una serra, allora sarà per te doveroso integrare vitamine e minerali in alto dosaggio.

Allo stesso modo, se decidi di compiere una traversata del deserto a piedi, e se hai intenzione per cibarti per settimane di fila esclusivamente di datteri, frutta secca e latte di cammello, allora integrare vitamine e minerali sarà una buona idea.

Di contro, se speri che integrando vitamine e minerali per tutta la vita, potrai ottenerne gli stessi effetti benefici per la salute, la bellezza e la longevità, di quelli che otterresti mangiando cibo vero, naturale, idratato e non raffinato, allora ho qualche dubbio nel confermarti questa ipotesi.

L’assunzione di vitamine e integratori non deve spostare il tuo focus da ciò che veramente conta dal punto di vista dell’estetica e della salute, vale a dire:

– Allenarsi con un sistema di allenamento scientifico come il protocollo XWOMAN www.allenamentoxwoman.it/offerta

– Mangiare bene come insegno nella Bibbia del Fitness Femminile

– E dedicare energie mentali a combattere lo stress psichico e fisico, costruendo una buona routine del sonno, finalizzata a farti dormire almeno 7 ore a notte, nonché praticare meditazione per placare la mente e combattere gli alti livelli di adrenalina e cortisolo causati dallo stile di vita occidentale

Ciao

Ivan Orizio
Fitness Coach, Autore e Creatore di XWOMAN

ATTENZIONE

Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un medicinale è necessario consultare il proprio medico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

ARTICOLI CORRELATI

Menu
Open chat