xwoman-numero-verde.png
Se hai bisogno di assistenza puoi chiamarci dal Lunedì al Venerdi dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30
Lunedì al Venerdi dalle 9.30 alle 18.30

Riflessione oggettiva sulla dieta

Quando un ONNIVORO obeso e con dieta “a caso” inizia a mangiare vegano, ad allenarsi e a perdere peso, i suoi parametri ematici migliorano, i suoi livelli di energia migliorano, la sua composizione corporea migliora, la sua vita migliora.

Quando un VEGETARIANO obeso e con dieta “a caso” inizia a mangiare onnivoro “clean”, ad allenarsi e a perdere peso, i suoi parametri ematici migliorano, i suoi livelli di energia migliorano, la sua composizione corporea migliora, la sua vita migliora.

Quando un VEGANO obeso e con dieta “a caso” inizia a mangiare paleo low carb, ad allenarsi e a perdere peso, i suoi parametri ematici migliorano, i suoi livelli di energia migliorano, la sua composizione corporea migliora, la sua vita migliora.

Potrei continuare con gli esempi dicendo “ketogenico obeso” e “paleodieta obeso” se non fosse che nelle diete in cui i carboidrati sono bassi (come nella chetogenica) e in quelle in cui gli alimenti sono obbligatoriamente naturali e non raffinati (come nella paleodieta), è molto più difficile essere obesi.

Ma in linea di massima, chiunque passi da una condizione di SEDENTARIO e OBESO alla condizione di STO ATTENTO A COME MANGIO e MI ALLENO, migliora la propria salute, i propri parametri ematici, i propri livelli energetici, la propria composizione corporea, la propria self imaging, etc. etc.

La morale della favola è che:

– puoi mangiare paleo, chetogenico, vegano, vegetariano, onnivoro, carnivoro

Puoi avere una dieta con proteine animali o vegetali, con tante fibre o poche fibre, con tanti carboidrati o pochi carboidrati.

Tra le popolazioni più longeve e sane, alcuni sono più carnivori (Inuit) altri più vegetariani (isola di Okinawa) altri ancora più mediterranei e onnivori (Sardegna).

Il tipo di dieta quindi non è così importante, ciò che è importante è che:

– tu sia magra

– sportiva

– con un buon compromesso nello stile di vita tra impegno professionale ed ozio

– che la dieta sia fatta per il 95% da alimenti naturali, non raffinati, non industriali, quanto più vicini a come si trovano in natura, con cotture poco raffinate, con pochissimo junk food, poco alcol (ma non necessariamente zero), pochi carboidrati raffinati, pochi grassi idrogenati e poche proteine junk food come affettati, würstel e compagnia

Se l’alimentazione è semplice e poco raffinata, fa bene al microbiota intestinale.

Se ti alleni e sei magra, tieni bassi i tuoi livelli di infiammazione.

Se hai una vita stimolante, hai energia mentale e sei felice di svegliarti al mattino.

Se hai spazio per riposare ed oziare, i livelli di stress sono bassi.

Il tipo di dieta quindi non è così importante, ciò che è importante sono gli elementi in comune a tutte le persone che dicono a sé stesse “da oggi mangio bene, mi alleno e mi prendo cura della mia salute”.

Il problema non è la carne rossa, che se è di qualità, non è cancerogena ed anzi è un ottimo alimento.

Il problema non sono la verdura ricca di antrinutrienti, o i legumi, o i cereali integrali.

Il problema non sono i carboidrati.

La dieta di Okinawa è fatta per il 70% da patate dolci (che sono carboidrati fibrosi), e chi la pratica ha tra i più alti livelli di longevità e salute al mondo.

Gli Inuit mangiano solo carne e pesce, e pochissima verdura, e hanno tra i più alti livelli di salute al mondo.

Così era anche per i nativi americani quando mangiavano bacche e bisonte.

I monaci giapponesi hanno il più alto livello di longevità al mondo (moltissimi superano i 90 anni senza malattie neurodegenerative), e sono vegetariani.

All’occhio di un profano queste diete possono sembrare opposte ma hanno in comune:

– persone che vivono in un contesto quanto più possibile equilibrato in armonia con la natura e con il tutto

– sana attività fisica giornaliera

– quasi zero junk food, zero fumo di sigaretta e nessuna dipendenza da droghe, steroidi e cibo spazzatura

In sostanza, smettila di cercare “la dieta migliore del mondo” e mettiti nella posizione di fare quelle poche cose giuste che funzionano davvero.

– alimentazione sana

– allenamento

– meditazione

– studio e impegno nelle attività che ami

– ozio, divertimento e riposo

Ci siamo?

www.xwoman.it/metodomastermind

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

I nostri
articoli correlati

Precedente
Successivo

Condividi sui Social